Si torna a parlare di Immuni, l’applicazione di contact tracing approvata dal Governo Italiano che da poco ha superato i 10 milioni di utenti attivi. Questa volta, però, l’app non c’entra nulla. Infatti, i criminali informatici stanno diffondendo una versione fake della stessa applicazione attraverso domini internet creati ad hoc.

Installando l’applicazione si installa di conseguenza un virus sul proprio dispositivo mobile che consente ai malintenzionati di prendere il controllo dello smartphone. A quel punto i malintenzionati potrebbero addirittura riuscire ad arrivare al conto corrente controllato dallo smartphone, con il rischio di vedersi azzerare tutto il proprio patrimonio.

A lanciare l’allarme è la struttura governativa Cert-Agid che si occupa di cybersicurezza: “A segnalare la presenza della fake app Immuni è stato il gruppo di ricercatori di Malware Hunter Team (MHT) attraverso un tweet. Grazie al contributo di D3Lab, sono stati individuati i domini che ospitavano la fake app“.

Ricordiamo che, per mantenere i propri dispositivi al sicuro, è necessario affidarsi sempre a fonti ufficiali, soprattutto quando di mezzo ci sono i nostri risparmi. Le banche non chiedono mai, telefonicamente o tramite mail, codici temporanei personali, né tantomeno dati personali riguardanti il nostro conto corrente o le nostre carte di debito, di credito o prepagate.

Altri contenuti