Bitcoin, conviene ancora comprare criptomonete? | ESCLUSIVA

Al giorno d’oggi internet ci fornisce quasi tutti gli strumenti di cui necessitiamo. Tra questi troviamo le criptomonete, ovvero monete digitali implementate sulla crittografia per la generazione e l’uso. Le monete digitali inizialmente erano utilizzate nel mondo del web soprattutto a scopi illegali. Da qualche tempo, però, vengono utilizzate (in particolar modo i Bitcoin) nell’immaginario d’uso comune. Per questo motivo è aumentata notevolmente la domanda di questo tipo di valuta.

Le monete digitali sono sicure, ma allo stesso tempo pericolose. Oltre ad essere molto volatili, essendo valute digitali, i proprietari sono molto vulnerabili a furti da parte di hacker.

A comandare il mondo delle criptovalute ci sono i Bitcoin. Creati nel 2009, i Bitcoin, rappresentano la moneta digitale con il valore più alto sul mercato. A differenza della maggior parte delle valute tradizionali, questo tipo di valuta non fa uso di un ente centrale né di meccanismi finanziari sofisticati. Il valore è determinato dalla domanda e dall’offerta. Esso utilizza un database distribuito tra i nodi della rete che tengono traccia delle transazioni, ma sfrutta la crittografia per gestire la generazione di nuova moneta e l’attribuzione della proprietà dei bitcoin.

Ad oggi un Bitcoin vale più di 14 mila euro. Come anticipato in precedenza, essendo una moneta molto volatile, il suo valore potrebbe aumentare, così come crollare, da un momento all’altro. Questo è uno dei maggiori pericoli che accomuna tutte le criptovalute disponibili.

Oltre ai Bitcoin, tra le maggiori criptovalute troviamo: Ethereum, Ripple, Bitcoin Cash, Litecoin, Monero, Waves, IOTA e Ada.

Ognuna delle monete sopra citate ha un valore ed una struttura diversa l’una dall’altra. Per esempio, l’Ethereum, ora, vale più di 600 euro, mentre il Ripple vale solo 0,64 centesimi.

Abbiamo intervistato Gabriele Bellelli, consulente finanziario, al quale abbiamo chiesto dei pareri in merito alla criptomoneta.

Qual è la sua opinione sulle criptovalute?

Personalmente considero ed utilizzo le criptovalute solo come strumento per fare trading di breve periodo e quindi per cercare di lucrare su questa fase di bolla. Dal mio punto di vista le criptovalute sono un ottimo strumento per fare trading perchè presentano una elevata volatilità delle quotazioni, in assenza di leva e quindi con il rischio limitato al solo capitale investito. Inoltre sono aperte 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. Non considero invece le criptovalute come una forma di investimento alternativa ai classici asset come obbligazioni, azioni o materie prime, dal momento che ad oggi non sono comunemente accettate come mezzo di pagamento e non c’è un adeguato grado di sicurezza a livello di wallet e di exchange. ”

Lei, ad oggi, consiglierebbe di acquistare Bitcoin o altre criptovalute?

Personalmente prediligo fare trading sul Bitcoin che ormai è un brand per cui attira la maggioranza degli scambi e dei volumi rispetto alle altre criptovalute. Il mio è un discorso di volatilità e di scambi e non di progetto che c’è alle spalle di una singola criptovaluta. ”

Concludendo, il sig. Bellelli ci dice: ” Sintetizzando al massimo, questo è il mio punto di vista su Bitcoin e criptovalute: un ottimo strumento per fare trading ma non sono da considerare un investimento. “