Battaglia Apple-Spotify, non si fa attendere la risposta da Cupertino

Spotify su iPhone

Non si fa attendere la risposta di Apple dopo l’accusa di Spotify alla stessa azienda. La società di Cupertino non accetta quanto insinuato dalla società di musica streaming e rimanda le accuse al mittente usando termini abbastanza duri.

In una nota, Apple dice: “Crediamo che la tecnologia raggiunga il suo vero potenziale quando la infondiamo con la creatività e l’ingegno umano. Fin dai nostri primi giorni, abbiamo costruito i nostri dispositivi, software e servizi per aiutare artisti, musicisti, creatori e visionari a fare ciò che sanno fare meglio.

Sedici anni fa abbiamo lanciato iTunes Store con l’idea che ci dovrebbe essere un luogo affidabile in cui gli utenti scoprono e acquistano musica eccezionale e ogni creatore è trattato in modo equo. Il risultato ha rivoluzionato l’industria musicale e il nostro amore per la musica.

Dopo aver utilizzato l’App Store per anni per far crescere in modo esponenziale la propria attività, Spotify cerca di mantenere tutti i vantaggi dell’ecosistema di App Store – inclusi i notevoli guadagni che attingono dai clienti dell’App Store – senza apportare alcun contributo a quel mercato. Allo stesso tempo, distribuiscono la musica che ami apportando contributi sempre più piccoli agli artisti, ai musicisti e ai cantautori che la creano, arrivando persino a portare questi autori in tribunale“.

La nota continua toccando i punti su cui Spotify ha attaccato Apple.

Spotify afferma che stiamo bloccando il loro accesso a prodotti e aggiornamenti alla loro app.

Cancelliamo subito questo. Abbiamo approvato e distribuito circa 200 aggiornamenti di app per conto di Spotify, ottenendo oltre 300 milioni di copie scaricate dell’app Spotify. L’unica volta che abbiamo richiesto le modifiche è quando Spotify ha cercato di aggirare le stesse regole seguite da ogni altra app.Abbiamo lavorato frequentemente con Spotify per aiutarli a portare il loro servizio su più dispositivi e piattaforme:

  • Quando abbiamo contattato Spotify a proposito del supporto di Siri e AirPlay 2 in diverse occasioni, ci hanno detto che ci stanno lavorando e siamo pronti ad aiutarli dove possiamo.
  • Spotify è profondamente integrato in piattaforme come CarPlay e ha accesso agli stessi strumenti di sviluppo dell’app e alle risorse di qualsiasi altro sviluppatore.
  • Abbiamo trovato le affermazioni di Spotify su Apple Watch particolarmente sorprendenti. Quando Spotify ha presentato l’app Apple Watch nel settembre 2018, l’abbiamo esaminata e approvata con lo stesso processo e la stessa velocità con cui avremmo ricevuto qualsiasi altra app. In effetti, l’app Spotify Watch è attualmente l’app numero 1 nella categoria Guarda musica.

Spotify è libero di creare app – e competere – per i nostri prodotti e piattaforme, e speriamo che lo facciano.

Spotify vuole tutti i vantaggi di un’app gratuita senza essere libero.

L’unico contributo che Apple richiede è per beni e servizi digitali acquistati all’interno dell’app utilizzando il nostro sistema di acquisto in-app sicuro. Come sottolinea Spotify, quella quota di compartecipazione alle entrate è del 30 percento per il primo anno di un abbonamento annuale, ma ha omesso che scende al 15 percento negli anni successivi.Questa non è l’unica informazione che Spotify ha lasciato su come funziona la loro attività:

  • La maggior parte dei clienti utilizza il proprio prodotto gratuito, supportato dalla pubblicità, che non fornisce alcun contributo all’App Store.
  • Una parte significativa dei clienti di Spotify proviene da partnership con operatori di telefonia mobile. Ciò non genera alcun contributo all’App Store, ma richiede a Spotify il pagamento di una simile commissione di distribuzione a rivenditori e operatori.
  • Anche ora, solo una piccola parte dei loro abbonamenti rientra nel modello di condivisione delle entrate di Apple. Spotify chiede che il numero sia zero.

Parliamoci chiaro di cosa significa. Apple collega Spotify ai nostri utenti. Forniamo la piattaforma con cui gli utenti scaricano e aggiornano la loro app. Condividiamo strumenti di sviluppo software critici per supportare la creazione di app di Spotify. E abbiamo creato un sistema di pagamento sicuro, non una piccola impresa, che consente agli utenti di avere fiducia nelle transazioni in-app. Spotify sta chiedendo di mantenere tutti questi vantaggi pur mantenendo il 100% delle entrate.Spotify non sarebbe il business che sono oggi senza l’ecosistema di App Store, ma ora stanno sfruttando la loro scala per evitare di contribuire a mantenere quell’ecosistema per la prossima generazione di imprenditori di app. Pensiamo che sia sbagliato.