Safety Car © Foto: formula1.com

Pronti, via! Neanche un giro in pieno ed è subito il momento della Safety Car di rosso verniciata in occasione del 1000° GP della Ferrari.

Ottima partenza di Bottas che riesce a sopravanzare Hamilton che slitta allo stacco. Bene anche Leclerc che riesce a trovare la quarta posizione. Bastano due curve, però, per vedere il primo, grosso, incidente di gara che vede coinvolti molti piloti, tra cui Gasly e Verstappen costretti al ritiro.

Tolte le vetture incidentate, ecco il nuovo colpo di scena. Al termine della Safety Car un nuovo botto sul traguardo vede coinvolti Latifi, Giovinazzi, Magnussen e Sainz. Tutti i piloti illesi nonostante le vetture disintegrate. I tanti detriti costringono la direzione gara a esporre bandiera rossa dopo due giri di Safety Car.

Come accaduto a Monza, la Federazione decide per la ripartenza dalla griglia di partenza.

Nella ripartenza parte meglio Hamilton, riuscendo a sopravanzare il compagno di squadra. Leclerc mantiene la terza posizione con una Racing Point agguerrita alle spalle. Servono pochi giri a Stroll per superare la Rossa. Da quel momento calo inspiegabile delle prestazioni Ferrari. Leclerc vede passare anche Ricciardo, Albon e Perez. Al pit-stop montate le gomme dure a Leclerc, che deve ricostruire la sua gara dal fondo della classifica. Al giro 43 botto di Stroll che richiama in causa la Safety Car prima e la bandiera rossa dopo.

Nella ripartenza parte bene Daniel Ricciardo che sopravanza Bottas e conquista la seconda posizione. Male le Ferrari che si ritrovano nelle ultime posizioni. Dopo un giro Bottas si riprende la seconda posizione e caccia Hamilton in testa alla gara. Al giro 50 Leclerc riesce a prendere e superare Grosjean, conquistando la nona posizione. Un giro dopo il pilota della Haas si vede sorpassare anche da Vettel.

Ultimi giri incandescenti, con Hamilton che guida la gara con Bottas e Albon alle calcagna A sorprendere maggiormente è proprio il pilota della Red Bull che negli ultimi giri ha trovato una buona velocità senza, però, riuscire a impensierire veramente Bottas. Dietro, la Williams di Russel ha provato a impensierire Vettel, senza riuscirci.

Sotto la bandiera a scacchi passano, in ordine:

  1. Hamilton
  2. Bottas
  3. Albon
  4. Ricciardo
  5. Perez
  6. Norris
  7. Kvyat
  8. Leclerc
  9. Raikkonen
  10. Vettel
  11. Russel
  12. Grosjean