Diritti tv Serie A, primi approcci tra Sky e Mediapro

La situazione sembra migliorare per la questione diritti tv Serie A. Mediapro e Sky si sono sedute allo stesso tavolo e hanno provato a mettersi d’accordo. Non è tutto oro quello che luccica, in mezzo c’è lo zampino della Lega Serie A. Infatti, l’invito alla pace è stato fatto proprio dal commissario Giovanni Malagò e dal presidente Gaetano Micciché.

Come riportato da Repubblica, l’incontro è andato bene, rispetto a quanto andato in scena davanti al giudice in Tribunale. Presente al tavolo anche Luigi De Siervo, ad di Infront. L’idea sottoposta ad entrambe le parti riguarderebbe per gli spagnoli l’abbandono del progetto “Canale Lega“, mentre per la pay-tv satellitare sarebbe richiesto un investimento maggiore di quanto proposto fino ad ora.

Un “sacrificio” potrebbe essere richiesto anche ai presidenti di Serie A, i quali dovrebbero accontentarsi degli iniziali 1050 milioni messi in ballo dagli spagnoli. In attesa della sentenza dei prossimi giorni e dell’assemblea con la commissione diritti tv (in programma lunedì 7 n.d.r), restano aperte tutte le ipotesi.