Ancora in alto mare la faccenda diritti tv di Serie A, tanto da portare ad una furiosa lite due dirigenti chiamati a prendere una decisione. Stiamo parlando di Preziosi, presidente del Genoa, e Campoccia, vicepresidente dell’Udinese. I due, secondo alcune indiscrezioni di stampa, sarebbero perfino arrivati alle mani.

Nonostante la lite, però, continua la discussione riguardo a chi assegnare i diritti tv. I presidenti sono indecisi: accettare l’offerta di DAZN, con alle spalle un accordo esclusivo con TIM, per la trasmissione di tutto il campionato in streaming, oppure cercare una soluzione che garantisca la presenza di tutte le partite su tutte le piattaforme? I motivi che bloccano la scelta sono molti, riguardanti soprattutto la capacità tecnica e qualitativa di DAZN, un servizio streaming che ha avuto problemi nel caso di picchi di telespettatori fin dalla nascita. I presidenti, inoltre, si chiedono se sia il caso di abbandonare la qualità Sky, che ha garantisce il 4K, ampi pre e post partita e notiziari interamente dedicati al massimo campionato italiano. Insomma, perplessità lecite per chi vuole far crescere il prodotto senza rinunciare ai ricavi.

Sono proprio questi i motivi che potrebbero portare ad un nulla di fatto, con l’ennesimo rinvio in attesa di eventuali accordi tra i network ancora in gara.

Continuate a seguirci, anche sui nostri canali social, per ricevere tutti gli aggiornamenti.