È iniziata la battaglia per i diritti televisivi di Champions League. Secondo quanto riportato da Milano Finanza, prima fra tutti a farsi avanti è stata Sky Italia, pay tv che detiene i diritti televisivi fino al termine di questa stagione.

A sfidare il colosso di Comcast ci sono anche Rai e Mediaset. Sorprende l’entrata in gioco di TIM, mentre DAZN, come fatto anche in altri Paesi, vuole ampliare la propria offerta streaming con la competizione europea più seguita.

Per la prima volta, in Italia, si mette in gioco anche Amazon. La società che detiene importanti diritti televisivi in Gran Bretagna e Germania, ora vuole fare il grande passo accaparrandosi il calcio europeo da trasmettere poi su Prime Video.

Le offerte vincolanti possono essere presentate entro il 12 ottobre. Successivamente la UEFA procederà all’assegnazione dei diritti televisivi di Champions League per il triennio 2021-2024.