Sono stati assegnati nella giornata di ieri i diritti televisivi di Serie A a DAZN. Tutte le partite del massimo campionato calcistico saranno trasmesse in diretta sul servizio streaming, di cui 7 match saranno in esclusiva assoluta, 3 in co-esclusiva un’altra pay tv, probabilmente con Sky, quest’ultima ancora in trattativa con la Lega di Serie A.

Diverso il discorso per quanto riguarda le coppe europee, con gran parte del calcio europeo in diretta su Sky (Champions League, Europa League e Conference League) e Mediaset (Champions League), mentre 16 partite della più importante competizione europee saranno trasmesse da Amazon.

Insomma, un insieme di suddivisioni, volute in parte da giudici italiani che hanno imposto il blocco delle esclusive web a Sky fino al 2022, che ha portato solo svantaggi agli utenti finali. Chi vuole vedere tutto il calcio che conta, dal 2021 al 2024, deve abbonarsi a tre piattaforme: DAZN (per la Serie A), Sky (per le coppe europee) e Amazon (per 16 match di Champions League). Una situazione che richiederà agli italiani un esborso di denaro sicuramente più elevato di quello attuale, portando, inevitabilmente, alla ribalta la pirateria, già molto utilizzata nel nostro Paese.

Altri contenuti